”Biden farà tutto il possibile per Zelensky, con Netanyahu braccio di ferro”

”Biden farà tutto il possibile per Zelensky, con Netanyahu braccio di ferro”

”Biden farà tutto il possibile per Zelensky, con Netanyahu braccio di ferro”



Il presidente degli Stati Uniti Joe ”Biden farà tutto quanto è nelle sue possibilità per aiutare Zelensky”, ma la missione del leader ucraino a Washington è stata ”un buco nell’acqua” e la posizione dell’Ucraina è ora ”su un piano di relativa debolezza che potrebbe avvantaggiare Putin sul piano politico”. Lo ha spiegato ad Adnkronos Stefano Stefanini, senior advisor dell’Ispi ed ex ambasciatore italiano alla Nato, affermando che ”il problema dell’Ucraina sarà tirare avanti tutto il 2024 senza che la Russia di rinvigorisca troppo e con gli aiuti americani che si sono inariditi”.

All’indomani della visita di Zelensky negli Stati Uniti, dove il leader ucraino ha fatto ”il possibile e l’impossibile recandosi in persona a Washington”, si può dire che ”i rapporti tra Biden e Zelensky non sono cambiati”. Perché ”l’opposizione all’ultimo pacchetto di aiuti all’Ucraina non dipende da Biden, che cercherà di recuperare tutto quanto sarà possibile nelle pieghe del bilancio del Pentagono. Ma a quanto mi dicono gli esperti non c’è molto”. Il blocco, ha proseguito Stefanini, ”dipende dai repubblicani al Congresso che ne fanno una questione di politica interna e pretendono in cambio la chiusura del confine con il Messico e si servono di questa questione per mettere in difficoltà Biden”. D’altonde ”gli Stati Uniti sono già in campagna elettorale”.

Quella del Congresso Usa è ”una visione che dire miope è dire poco”, prosegue Stefanini, ma ”Biden è il presidente e in un Paese democratico i cordoni della borsa li tiene il Parlamento. E se il Parlamento taglia i finanziamenti non dipende da Biden”. Bisognerà vedere poi chi sarà il prossimo inquilino della Casa Bianca, ma Stefanini ricorda che ”si vota anche per un terzo del Senato e per il rinnovo della Camera dei rappresentanti, quindi bisognerà vedere quale sarà la maggioranza”.

In questo momento, comunque, ”il problema per l’Ucraina è tirare avanti per tutto il 2024 senza che la Russia si rinvigorisca troppo”, sottolinea Stefanini, riflettere sulla ”capacità ucraina di tener duro con il grosso canale degli aiuti americani, che sul piano militare sono stati i più importanti, che rischia se non di prosciugarsi almeno di inaridirsi”. In questo contesto ”Putin può avvantaggiarsene sul piano militare se la mancanza di aiuti diminuisce la capacità della resistenza ucraina, ma vedendo come hanno combattuto gli ucraini finora probabilmente no”. Ma Putin ”può avvantaggiarsene molto sul piano politico perché gli ucraini sono su una posizione di maggiore debolezza” dopo che ”in questi anni di guerra hanno avuto una grande boccata di ossigeno politico dal sostegno americano ed europeo”. Quello dell’Europa tiene, ”ma se si indebolisce la sponda americana è fonte di preoccupazione” oltre che di ”difficoltà di tenuta psicologica e politica per Zelensky” e gli ucraini.

Sul fronte del Medioriente, invece, ”tra Biden e Netanyahu è in corso un braccio di ferro”, con il presidente degli Stati Uniti che si trova in una ”posizione di forza rispetto al premier israeliano” al quale chiede di ”farsi carico della soluzione del problema palestinese una volta completata l’operazione militare”. Difficile prevedere l’esito del confronto, ma ”a 30 anni dagli accordi di Oslo è ancor più difficile essere ottimisti sulla soluzione a due Stati” per israeliani e palestinesi, punto sul quale stanno facendo pressione gli Usa afferma Stefanini. ”Biden fin dalla prima visita in Israele aveva raccomandato di non esagerare nella risposta” all’attacco sferrato da Hamas e di ”avere riguardo per i morti civili”.

Inoltre Biden, anche ”tramite il Segretario di Stato” Antony Blinken, ha più volte sottolineato l’importanza di ”guardare al dopoguerra e farsi carico della soluzione a due Stati una volta esaurito il diritto all’autodifesa ed eliminate le capacità militari di Hamas”. Su questo punto, però, ”Netanyahu traccheggia, non ha dato alcuna indicazione di voler seguire questo percorso”, afferma Stefanini, sottolineando allo stesso tempo che il premier israeliano ”si trova in una posizione di grande difficoltà anche all’interno del suo Paese dove ha un livello di consenso bassissimo”.

Vero è, riflette Stefanini, che ”a volte le soluzioni nascono dalle crisi”, come lo è stato per ”il trattato di pace tra Egitto e Israele che tiene ancora oggi, ci si è arrivati all’indomani della guerra dello Yom Kippur che per alcuni aspetti presenta delle analogie con l’attacco di Hamas del 7 ottobre”. E ”non tanto nelle barbarie perpetrate, ma nel prendere di sorpresa gli israeliani – ricorda l’ex rappresentante alla Nato – La guerra fu durissima per gli israeliani, ma alla fine l’allora premier Golda Meir diede le dimissioni”. Allo stato attuale, però, ”Netanyahu non sembra accennare” a uno scenario simile, ”poi chissà”.

Di certo è che la posizione di Netanyahu è ”vulnerabile, c’è la questione dei processi a suo carico e poi Golda Meir era in un’altra posizione”. Lei aveva ”accettato che la responsabilità ricadesse sul leader, mentre Netanyahu ha già cercato di svincolarsi dando la colpa ai militari e ai servizi di sicurezza”. In questo contesto, per il premier e per Israele tutta è importante mantenere buoni rapporti con gli Stati Uniti. Sulla scena internazionale, prosegue Stefanini, ”Israele dipende dal sostegno politico degli Stati Uniti per non trovarsi completamente isolato”, del ”flusso di rifornimenti americani” e beneficia anche del ruolo di ”deterrenza che Washington sta esercitando nei confronti dell’Iran”.

D’altronde, ”gli Stati Uniti hanno tolto le castagne dal fuoco a Israele anche ponendo il veto alla risoluzione per il cessate il fuoco presentata al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite” e quello che stanno chiedendo ora ”non è un cessate il fuoco immediato, ma riconoscono a Israele il diritto a condurre l’operazione militare contro Hamas”. Quello che Washington chiede è che ”queste operazioni si svolgano con una maggiore attenzione alla crisi umanitaria che si è creata a Gaza e che si pensi al futuro di Gaza che non preveda una occupazione israeliana, ma tornando all’obiettivo della soluzione a due Stati”.



Source link
di [email protected] (Web Info)
www.adnkronos.com
2023-12-13 17:35:42 ,

Previous Champions: Newcastle-Milan e Atletico Madrid Lazio DIRETTA E FOTO – Calcio

Leave Your Comment