L’informazione ai tempi della guerra senza limiti, tra propaganda e fake news

L’informazione ai tempi della guerra senza limiti, tra propaganda e fake news

L’informazione ai tempi della guerra senza limiti, tra propaganda e fake news


Perché leggere questo articolo? L’informazione è oggi più che mai un campo di battaglia, stretta tra propaganda e tentativi di condizionamento delle grandi potenze. Per capire come navigare in un mondo tanto complesso dialoghiamo con Francesco Petronella, autore del saggio “Atlante delle bugie”.

Propaganda, disinformazione e uso (anzi abuso) politico delle notizie e delle fonti che permettono di conoscere gli scenari più complessi sul piano globale sono una costante nella storia umana. Ma mai come oggi l’iperconnessione degli scenari globali, le nuove tecnologie e la fragilità del pubblico di fronte ai fenomeni di condizionamento sono un fattore potenzialmente dirompente nell’orientare le masse nel loro approccio ai grandi fenomeni globali. Francesco Petronella, giornalista freelance specializzato in politica estera e collaboratore dell’Ispi, sul tema ha scritto un libro, Atlante delle bugie –

L’Infowar contraddistingue, sempre più, le dialettiche attuali legate ai conflitti. Quali sono i rischi con cui si interfaccia chi opera nello studio dei contesti internazionali?

Io penso che il primo nemico da tenere a bada non sia tanto l’intenzione di chi diffonde notizie di parte o di propaganda, quanto la predisposizione di ognuno di noi a recepirle. In contesti complessi come quelli di guerra, ad esempio l’ultima escalation in Israele e Palestina, c’è una naturale tendenza del pubblico a schierarsi da una o dall’altra parte. Ne consegue…


Author: Andrea Muratore
Data : 2023-12-13 06:00:08
Dominio: www.true-news.it
Leggi la notizia su: Politics – True News.
LEGGI TUTTO

Previous L’allarme di Biden: «Putin conta su mancati aiuti a Kiev». Zelensky chiede «unità contro l’aggressore»

Leave Your Comment