sogno di fare l’avvocato ma sento di aver sbagliato tutto”

sogno di fare l’avvocato ma sento di aver sbagliato tutto”

sogno di fare l’avvocato ma sento di aver sbagliato tutto”


Immagine

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La nostra redazione riceve lettere e testimonianze relative a storie che riguardano il mondo del lavoro. Decidiamo di pubblicarle non per dare un’immagine romantica del sacrificio, ma per spingere a una riflessione sulle condizioni e sulla grande disparità nell’accesso a servizi essenziali. Invitiamo i nostri lettori a scriverci le loro storie cliccando qui.

Alla redazione di Fanpage.it Proseguono ad arrivare lettere di aspiranti e giovani avvocati che raccontano il loro percorso lavorativo. C’è chi ci ha raccontato degli enormi sacrifici fatti pur di svolgere questo lavoro, chi di come si è sentito sfruttato da altri avvocati. A scriverci oggi è una donna di 27 anni che, dopo la laurea in giurisprudenza, ha intrapreso l’iter per diventare avvocato e racconta quanto è difficile questo percorso. E si chiede: “Ma dopo tutti questi sacrifici i giovani avvocati devono ricevere questo trattamento? Sono stanca, avvilita e sento di aver sbagliato tutto nella vita“.

La lettera a Fanpage.it

Ho 27 anni, una laurea in giurisprudenza e ho intrapreso l’iter per diventare avvocato. Vi scrivo perché vorrei raccontare come viviamo noi aspiranti avvocati.

Una volta laureati, dobbiamo fare un tirocinio di 18 mesi presso uno studio legale e nella maggior parte dei casi non riceviamo neppure un rimborso spese. Anzi, durante il tirocinio tra iscrizioni ai vari registri, spostamenti, pranzi e le varie spese connesse, ci rimettiamo anche dei soldi. E già qui non capisco come uno stato civile possa mai consentire una tale schiavitù.

Ma va bene, io sono andata avanti perché diventare avvocato è il mio sogno più grande. Finito il tirocinio ci troviamo ad affrontare l’esame di abilitazione che attualmente si compone di uno scritto e 4 materie orali. Anche qui si affrontano delle spese non indifferenti. Io sono in attesa dell’orale ed è veramente il periodo più brutto della mia vita: è impossibile, direi pura follia, ricordare per bene ogni pagina del programma.

Mi sono sentita costretta a rifiutare un lavoro per preparare questo esame orale. Ma continuo a non arrendermi e vado avanti perché questo è il mio sogno. Poi due giorni fa ho letto un annuncio di lavoro di uno studio legale che cerca un neo avvocato abilitato e leggo alla voce retribuzione 300 euro mensili.

Ma dopo tutti questi sacrifici i giovani avvocati devono ricevere questo trattamento? Sono stanca, avvilita e sento di aver sbagliato tutto nella vita. E sono sicura che tanti aspiranti avvocati vivono la mia stessa situazione. Ma è così sbagliato seguire le proprie passioni?

Immagine





Source link
di Redazione
www.fanpage.it
2024-06-19 05:01:29 ,

Previous Nella Sicilia senz’acqua con le capre che bevono nelle pozze di fango. E anche i turisti fuggono

Leave Your Comment