«Così valorizziamo i vivai»- Corriere.it

0


di Monica Colombo

Il no al decreto crescita. «Ora il calcio italiano è più povero». Furlani (Milan): «Così più gap con le altre leghe»

Il giorno dopo il terremoto che ha sconvolto il mondo del calcio, Matteo Salvini rivendica la bontà della scelta. «L’obiettivo del governo è aiutare il calcio italiano anche valorizzando i vivai. Per questo motivo, la Lega ha ritenuto di stoppare la norma che consente ai calciatori stranieri di pagare meno tasse. Sono convinto che sia una scelta di buon senso», insiste il vicepremier che ha avuto un ruolo non secondario nel negare la proroga dei benefici fiscali agli sportivi professionisti in arrivo dall’estero.

«Mi sorprende la reazione dei club: sembra che il problema della A sia la mancanza di una sorta di reddito di cittadinanza per i giocatori comprati oltreconfine», conclude il ministro delle Infrastrutture.

La chiave di lettura irrita e non poco i manager dei nostri club. «Io ho vissuto e lavorato tanti anni in Inghilterra dove il settore calcio viene considerato alla stregua di ogni altro comparto industriale. Da noi è ritenuto un gioco, un vezzo per ricconi viziati», sottolinea Giorgio Furlani, ad del Milan, squadra che si è rafforzata anche grazie agli sgravi fiscali garantiti dal Decreto crescita. «Dobbiamo fare un ragionamento di sistema, non limitato alle sorti del singolo club. Non si comprende che spendendo di meno, acquisteremo meno giocatori di spessore. E con il ridimensionamento…


Author: Monica Colombo
Data : 2023-12-29 20:38:07
Dominio: www.corriere.it
Leggi la notizia su: Corriere.it – Politica
LEGGI TUTTO

Leave A Reply