Elezioni Presidente della Repubblica, settima votazione Quirinale in diretta. Verso il Mattarella bis, accordo tra i partiti per votarlo

Elezioni Presidente della Repubblica, settima votazione Quirinale in diretta. Verso il Mattarella bis, accordo tra i partiti per votarlo


Quirinale 2022, le news di oggi 29 gennaio 2022 sull’elezione del nuovo Presidente della Repubblica in diretta e sulle trattative dei partiti. In corso lo spoglio per la settima votazione, il quorum è fissato a 505 voti. C’è l’accordo per il Mattarella bis: i partiti della maggioranza hanno raggiunto l’intesa e Mario Draghi avrebbe chiesto a Sergio Mattarella di restare, vista la crisi politica e l’impossibilità per le forze politiche di convergere su un nome. Matteo Salvini già questa mattina aveva detto: “Dobbiamo chiederci se non sia più serio andare da Mattarella e chiedergli di restare“. Giorgia Meloni aveva replicato: “Non voglio crederci“. Fratelli d’Italia vota Carlo Nordio.

L’elezione del Presidente della Repubblica in diretta:

Elezioni Quirinale 2022, ultime news in diretta:

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Terminato lo spoglio delle schede, tra poco i risultati: tantissimi voti a Mattarella

È appena terminato lo spoglio delle schede nel settimo scrutinio. A breve il presidente di Montecitorio, Roberto Fico, annuncerà i risultati: sono tantissimi i voti a Mattarella.

Tajani: “Forza Italia sosterrà la rielezione di Mattarella, scelta nell’interesse del Paese”

Forza Italia sosterrà la rielezione del Presidente Mattarella. Avevamo espresso la necessità di avere un politico al Colle, siamo stati coerenti nelle nostra scelta, fatta nell’interesse superiore del Paese“: lo scrive su Twitter Antonio Tajani, coordinatore di Coraggio Italia.

Elezione del Presidente della Repubblica, fumata nera al settimo scrutinio

Lo spoglio della settima votazione è in corso, ma è già fumata nera. Numeri alla mano il più votato, ancora Sergio Mattarella, non può raggiungere il quorum. Il centrodestra si è astenuto, Fratelli d’Italia a parte che ha votato Nordio. Il prossimo scrutinio, l’ottavo, sarà quasi certamente quello della fumata bianca, con la rielezione di Mattarella alla Presidenza della Repubblica.

Quirinale, Meloni: “Stupita se Mattarella accettasse rielezione, dopo aver detto tante volte di no”

“Sarei stupita se Mattarella accettasse di essere rieletto Presidente della Repubblica dopo aver fermamente e ripetutamente respinto questa ipotesi. Anche perché sappiamo tutti che il secondo mandato presidenziale non può diventare una prassi, forzando gli equilibri previsti dalla nostra Costituzione. In ogni caso Fratelli d’Italia non asseconderà questa scelta che non appare fatta nell’interesse dell’Italia ma piuttosto per molto più bassi calcoli di opportunità. I partiti hanno scelto di tirare a campare, barattando di fatto sette anni di Presidenza della Repubblica in cambio di sette mesi in più di Governo e di legislatura. Ancora una volta il Parlamento dimostra di non essere all’altezza degli italiani che dovrebbe rappresentare. Da domani Fratelli d’Italia moltiplicherà i suoi sforzi per una riforma presidenziale della nostra Repubblica e per ribadire che la sovranità appartiene al popolo, non agli intrighi di Palazzo”. Lo dichiara in una nota il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Quirinale, Berlusconi: “A Mattarella chiediamo sacrificio, ma è l’unico che può garantire unità”

Dopo la lunga telefonata con il Presidente della Repubblica, Silvio Berlusconi ribadisce il sostegno a Mattarella: “Qualche giorno fa, per senso di responsabilità e nell’interesse del Paese, avevo rinunciato alla mia candidatura, anche per favorire una soluzione unitaria. Quello che è successo dopo è sotto gli occhi di tutti, ma non è questo il momento della polemica”, ha detto il Cavaliere, che è ancora ricoverato al San Raffaele di Milano.

“Questo è il momento dell’unità e tutti dobbiamo sentirlo come un dovere – continua l’ex premier -. Ma l’unità oggi si può ritrovare soltanto intorno alla figura del presidente Sergio Mattarella, al quale sappiamo di chiedere un grande sacrificio, ma sappiamo anche che glielo possiamo chiedere nell’interesse superiore del Paese, quello stesso che ha sempre testimoniato nei sette anni del suo altissimo mandato”.

Settimo spoglio, già moltissimi voti per Sergio Mattarella

È in corso lo spoglio delle schede per la settima votazione. Sono già tantissimi i voti per Sergio Mattarella.

Quirinale, lunga telefonata tra Berlusconi e Mattarella: Forza Italia appoggia il bis

Silvio Berlusconi e Sergio Mattarella si sarebbero sentiti al telefono. Una chiamata lunga e affettuosa, in cui il leader di Forza Italia avrebbe garantito al capo dello Stato l’appoggio del suo partito per la rielezione del Presidente della Repubblica.

Settimo scrutinio, terminate le operazioni di voto: a breve inizia lo spoglio

Sono terminate le operazioni di voto nel sesto scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. A breve comincerà lo spoglio delle schede.

Quirinale, Grasso: “Parlamento chieda scusa a Mattarella”

“Insieme alla richiesta di restare per un altro settennato, auspico che il Parlamento faccia giungere al presidente Mattarella anche le scuse per lo spettacolo di questi giorni”, ha scritto sui social il senatore Pietro Grasso.

La foto di Letta agli striscioni di ringraziamento per Mattarella

Stamani son passato qui davanti andando alla Camera“, scrive sui social Enrico Letta, segretario del Pd, pubblicando la foto di uno striscione di ringraziamenti a Sergio Mattarella.

Quirinale, si vota Mattarella: leader di maggioranza hanno raggiunto l’accordo

Chiusa l’intesa tra i leader della maggioranza: si vota il Mattarella bis. Lo hanno riferito fonti presenti al vertice che si è tenuto a Montecitorio.

Speranza: “Intesa su Mattarella è grandissima gioia”

L’intesa dei partiti (almeno quelli della maggioranza) sul Mattarella bis è una grandissima gioia. Lo ha detto il ministro Roberto Speranza, esponente di Liberi e Uguali.

Settima votazione, iniziata la chiama per i delegati delle Regioni

Hanno terminato di votare senatori e deputati. È iniziata la chiama dei delegati regionali.

Brunetta: “Mattarella al Quirinale e Draghi a Chigi sono garanti di stabilità”

Stabilità e credibilità: ho sostenuto da sempre la necessità di tutelare questi due valori sopra tutti, per il bene del Paese. I migliori garanti della stabilità e della credibilità dell’Italia sono Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica e Mario Draghi alla guida del Governo. Oggi i grandi elettori faranno la scelta giusta“: lo ha detto il ministro Renato Brunetta, esponente di Forza Italia.

Presidente della Repubblica, La Russa (Fdi): “Mattarella bis è una sconfitta, non lo voteremo”

Per il senatore Ignazio La Russa il Mattarella bis “è una sconfitta, anche per lo spirito della Costituzione… Contenti loro, contenti tutti…’

“Noi di Fratelli d’Italia voteremo Nordio”, ribadisce il vicepresidente del Senato. Si va verso la rielezione di Mattarella anche per colpa della strategia di Matteo Salvini? “La colpa non è di Salvini, ma è di tutti coloro che stanno convergendo verso un bis dell’attuale capo dello Stato. Pur avendo massimo rispetto per Mattarella, noi non lo voteremo, ma indicheremo nella scheda Nordio”. Il centrodestra si è frantumato, secondo il senatore di Fdi: “Il centrodestra? Quale centrodestra?”.

Qurinale, verso il Mattarella bis: Draghi sta contattando tutti i leader

Nel colloquio di questa mattina, il presidente del Consiglio Mario Draghi e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella hanno parlato della situazione di stallo che si è venuta a creare nell’elezione del presidente della Repubblica. Il presidente del Consiglio ha chiesto a Mattarella di restare “per il bene e la stabilità del paese” A quanto apprende l’Adnkronos da fonti di primo livello, il premier Draghi  sta contattando in queste ore i leader di tutte le forze politiche per stringere sulla rielezione di  Mattarella al Quirinale.

Boschi: “Riconferma di Mattarella è vittoria, nel 2015 lo propose Renzi e ora lo rivotiamo”

Per noi la conferma del presidente Mattarella è una vittoria perché nel 2015 lo ha proposto Matteo Renzi, lo abbiamo indicato quando nessuno se lo aspettava sette anni fa, lo abbiamo votato allora e oggi lo rivotiamo con entusiasmo“: così ha detto la deputata di Italia viva Maria Elena Boschi.

Quirinale, Draghi ha chiesto a Mattarella di restare “per il bene del Paese”

A quanto apprende l’Adnkronos da fonti di primo livello, il presidente del Consiglio Mario Draghi, nell’incontro di oggi al Quirinale, avrebbe chiesto al Capo dello Stato Sergio Mattarella di rimanere per “il bene e la stabilità del paese”, se il Parlamento lo chiederà.

Casini: “Parlamento tolga mio nome da discussioni e chiedere a Mattarella di restare”

L’Italia non può ulteriormente essere logorata da chi antepone le proprie ambizioni personali al bene del Paese. Certamente io non voglio essere tra questi. Chiedo al Parlamento, di cui ho sempre difeso la centralità, di togliere il mio nome da ogni discussione e di chiedere al presidente della Repubblica Mattarella la disponibilità a continuare il suo mandato nell’interesse del Paese“: lo ha detto Pier Ferdinando Casini all’Ansa.

Quirinale, Salvini vuole chiudere la partita: “Riconfermiamo Mattarella”

“Gli italiani non meritano altri giorni di confusione. Io ho la coscienza a posto, ho fatto numerose proposte tutte di alto livello, tutte bocciate dalla sinistra. Riconfermiamo il Presidente Mattarella al Quirinale e Draghi al governo, subito al lavoro da oggi pomeriggio, i problemi degli italiani non aspettano”, ha detto il leader della Lega Matteo Salvini.

Sibilia: “Andiamo verso la chiusura, chiari segnali dal Parlamento”

Oggi pomeriggio si può andare finalmente verso la chiusura. In questi minuti si stanno creando le condizioni trasversali per recepire i chiari segnali del Parlamento. Non perdiamo altro tempo, serve stabilità“: lo scrive sui social il sottosegretario M5S all’Interno, Carlo Sibilia.

Renzi: “Sono ottimista, stasera si chiude”

Matteo Renzi è ottimista. “Stasera si chiude“, avrebbe detto il leader di Italia Viva secondo quanto riferiscono fonti di partito.

Quirinale, iniziato il vertice con i segretari dei partiti di maggioranza

È in corso il vertice con i segretari dei partiti di maggioranza: si definisce la strategia per il Quirinale, mentre diventa sempre più concreta l’ipotesi di un Mattarella bis.

Meloni: “Salvini vuole andare a pregare Mattarella, non voglio crederci”

Salvini propone di andare tutti a pregare Mattarella di fare un altro mandato da Presidente della Repubblica. Non voglio crederci“: lo ha scritto su Facebook Giorgia Meloni.

Brugnaro (Coraggio Italia): “Senza nome condiviso tra partiti, chiediamo sacrificio a Mattarella”

Non ho dato alcuna delega affinché Coraggio Italia venga rappresentato nelle trattative con gli altri leader politici per l’individuazione del prossimo presidente della Repubblica“: lo afferma Luigi Brugnaro presidente del partito centrista. E ancora: “Al contempo, nell’ipotesi in cui i partiti non riuscissero a trovare una soluzione unitaria. condivido il pensiero di coloro che, in queste ore, stanno ipotizzando di chiedere al Presidente Mattarella un ulteriore sacrificio“.

Quirinale, colloquio di mezz’ora tra Draghi e Mattarella

Hanno parlato per circa una mezz’ora Mario Draghi e Sergio Mattarella, che si sono incontrati oggi alla cerimonia di giuramento di Filippo Patroni Griffi a giudice della Corte Costituzionale. Oggi il presidente del Consiglio avrebbe anche avuto una lunga telefonata con Matteo Salvini.

La Lega convoca i Grandi elettori: vertice con Salvini alle 14

Sono stati convocati d’urgenza i Grandi elettori della Lega. Il vertice con il leader, Matteo Salvini, sarà alle ore 14.

Salvini: “Mattarella non sia ripiego. Ma intesa non c’è, squadra resti così a Chigi e al Quirinale”

È importante che Mattarella non sia un ripiego. Ma non c’è l’intesa, tanto vale che la squadra resti così, con Mattarella al Quirinale e Draghi a Chigi“: lo dice Matteo Salvini. Secondo alcune fonti parlamentari di maggioranza i voti per Mattarella al settimo scrutinio potrebbero arrivare oltre quota 400.

Bossi: “Si va verso il Mattarella bis? Il rischio c’è”

Si va verso il Mattarella bis? “Il rischio c’è“, ha commentato all’AdnKronos il senatore della Lega, Umberto Bossi, arrivato alla Camera per il settimo voto al Colle.

Quirinale, Fratelli d’Italia voterà Carlo Nordio al settimo scrutinio

In risposta all’indecorosa immagine che il Parlamento sta dando in occasione dell’elezione del Presidente della Repubblica, Fratelli d’Italia voterà Carlo Nordio – fanno sapere Meloni e i suoi in una nota – L’ex magistrato è una figura di altissimo profilo e persona di riconosciuta onestà, competenza e imparzialità. Manterremo il voto su Nordio finché le altre forze politiche non convergeranno su questa scelta o finché non dovesse emergere una alternativa migliore. Fratelli d’Italia non ha i numeri per essere determinante in questo importante passaggio politico, ma abbiamo le idee molto chiare: vogliamo arrivare a una soluzione nel minor tempo possibile e ci batteremo con ancora maggiore forza per far scegliere la prossima volta direttamente agli italiani il Capo dello Stato e non assistere più al triste spettacolo che il Palazzo sta dando in questi giorni“.

Quirinale, Salvini: “Draghi deve restare presidente del Consiglio”

Per me Draghi è meglio che resti a Palazzo Chigi, perché tutto il resto sarebbe rischioso. Ma ho capito che gli altri fanno politica solo bruciando le proposte che arrivano, mentre io non ho mai messo veti nei confronti di nessuno – ha commentato questa mattina Matteo Salvini in Transatlantico – Però ho capito che prima di dire un eventuale si a un nome che arriva da sinistra, ora io sto zitto per non finire dentro le loro guerre interne“.

Donzelli (FdI): “Sbagliato mettere in mezzo Mattarella, ha detto che non è disponibile”

Sbagliato continuare a mettere in mezzo Mattarella. Ha detto che non è disponibile, non è mica un quaquaraqua“: lo ha detto il deputato di Fratelli d’Italia, Giovanni Donzelli.

Salvini: “Dobbiamo chiederci se non sia più serio andare da Mattarella e dirgli di ripensarci”

Io credo che bisogna smettere di andare avanti con i veti incrociati. Bisogna considerare se non sia più serio andare dal presidente Mattarella e dire ripensaci“: così Matteo Salvini, parlando con i giornalisti in Transatlantico.

Quirinale, Toti: “Su Casini c’è un’ampia convergenza”

Su Casini c’è un’ampia convergenza. Il mondo centrista c’è indubbiamente, un pezzo del Pd – il nome di Casini era nella sua rosa – certamente c’è, così come Italia Viva non ha mai nascosto le sue simpatie. Quindi, stiamo parlando di un candidato che è già sopra quota 300 voti che potrebbe essere un buon momento di coagulo. Speriamo che la mattinata porti consiglio“, ha commentato il governatore della Liguria e leader di Coraggio Italia, Giovanni Toti.

Perché ci si aspetta anche oggi una nuova temporale di voti per Mattarella

L’indicazione di molti partiti, questa mattina, è di votare scheda bianca. Ma come successo già nei giorni scorsi, ci si aspetta una nuova temporale di voti per il Presidente Mattarella. Ieri pomeriggio ne ha ricevuti ben 336 raddoppiando le preferenze del giorno prima. Insomma, dopo il flop Casellati sembra essersi riaperta la strada del Mattarella bis. Certo, bisognerebbe in primis convincere il capo dello Stato uscente.

Quirinale, Italia Viva vota scheda bianca al settimo scrutinio

I grandi elettori di Italia Viva, secondo quanto si apprende, lasceranno scheda bianca al settimo scrutinio per l’elezione del capo dello Stato. “Bianca vera“, è la sottolineatura dei renziani, visto che anche oggi ci si aspetta una temporale di voti per Sergio Mattarella.

Settimo scrutinio Presidente della Repubblica, Movimento 5 Stelle vota scheda bianca

Secondo quanto si apprende, dal Movimento 5 Stelle è arrivata l’indicazione di votare scheda bianca al settimo scrutinio per l’elezione del Presidente della Repubblica. Già nei giorni scorsi molti grandi elettori grillini hanno votato Sergio Mattarella, ricevendo libertà di voto da parte dei vertici.

Quirinale, Orlando (Pd): “Dal Parlamento arriva un forte segnale per Mattarella”

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, si è fermato a parlare con le telecamere ieri sera, sottolineando l’importanza del segnale che arriva dal Parlamento per il Presidente Mattarella. Intanto Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, ricorda come per il Quirinale il primo a trattare sia Silvio Berlusconi.

Elezione del Presidente della Repubblica, dal Pd indicazione di lasciare scheda bianca

Il Partito Democratico, secondo quanto si apprende da fonti dem, ha dato indicazione di votare scheda bianca al settimo scrutinio per l’elezione del Presidente della Repubblica. Esattamente come accaduto ieri, quando, però, in moltissimi hanno invece votato il Presidente Mattarella. Al momento i senatori del Pd non stanno rispondendo alla prima chiama, ma dovrebbero rispondere alla seconda.

Quirinale, Forza Italia si asterrà alla settima votazione

I grandi elettori di Forza Italia, secondo quanto si apprende, hanno fatto sapere che si asterranno alla settima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica.

Qual è il quorum della votazione di oggi per il Presidente della Repubblica

Il quorum, anche oggi e per tutte le eventuali votazioni successive, è fissato a 505, ovvero la maggioranza assoluta dei grandi elettori. Intanto è cominciata la settima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica, oggi pomeriggio alle 16.30 si terrà l’eventuale ottava.

Casini: “Il mio nome è sul tavolo per il Quirinale solo se unisce”

Il mio nome può essere sul tavolo solo se rappresenta un momento di unità e di convergenza. L’Italia viene prima delle nostre ambizioni personali“, ha detto Pier Ferdinando Casini ad un cronista dell’Ansa che lo ha intercettato sotto abitazione.

A che ora inizia il settimo scrutinio e dove vederlo in diretta

La settima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica comincia tra pochi istanti, alle 9.30. È possibile seguirla sul sito della Camera dei deputati, o grazie alla diretta Youtube sul canale di Montecitorio.

Quirinale, a breve il vertice di maggioranza: o si trova un nome o tutti astenuti

Secondo quanto si apprende, è atteso a breve un vertice dei leader della maggioranza di governo. La settima votazione per il Presidente della Repubblica sta cominciando, perciò bisogna trovare una linea: o ci si accorda sul nome oppure si dovrebbe andare verso l’astensione in blocco. Così le trattative potrebbero continuare per arrivare alla fumata bianca all’ottava votazione, alle 16.30.

Quirinale, Renzi: “Non votiamo Belloni, capo dei Servizi segreti non può andare al Colle”

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha le idee chiare sulla possibile candidatura di Elisabetta Belloni: “C’è un tentativo gialloverde – ha detto riferendosi al blitz di Conte e Salvini – ma chiunque abbia un minimo di cultura istituzionale sa benissimo che chi è a capo dei Servizi non può fare il Presidente della Repubblica“.

Elezione del Presidente della Repubblica, vertice di maggioranza: Tajani per il Centro

Per la prima volta Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, partecipa all’incontro tra i leader di maggioranza con Matteo Salvini, Enrico Letta, Giuseppe Conte e Matteo Renzi. Il vice di Berlusconi rappresenterà il polo centrista, che comprende anche Coraggio Italia e Noi con l’Italia, sganciandosi ufficialmente da Salvini: “Parteciperemo al vertice da soli in mattinata per cercare di confrontarci e trovare la soluzione più ampia possibile. Noi siamo per avere un personaggio politico al Quirinale“, ha detto Tajani entrando alla Camera.

Letta: “Centrodestra si è spaccato, Salvini brucia i nomi per il Quirinale”

Salvini è uscito con la solita logica del ‘sono io che do le carte’. Questo ha creato un cortocircuito anche coi Cinque Stelle. Appena Salvini ha parlato, ho capito che l’ipotesi a cui faceva riferimento sarebbe stata bruciata. A causa di questo metodo“, avrebbe detto ancora Enrico Letta all’assemblea dei grandi elettori del Partito Democratico. “Oggi si riparte con un metodo di confronto caratterizzato da un elemento in più: il centrodestra si è formalmente spaccato. Politicamente è un punto essenziale“.

Quirinale, Salvini: “Senza un nome condiviso c’è l’astensione, non si vota a caso”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, entrando alla Camera dei deputati dove sta incontrando gli altri leader politici, ma anche i suoi dirigenti, ha annunciato che senza un nome condiviso non ci saranno ulteriori forzature e ci si asterrà ancora.

Elezione del Presidente della Repubblica, Letta: “È durissima, fortuna che il Pd è unito”

Ognuno di noi, qua dentro, interpreti il suo ruolo come grande elettore e non grande twittatore – avrebbe detto il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, durante l’assemblea con i grandi elettori – Da queste scelte dipende futuro del Paese“. Secondo quanto riportano fonti presenti all’incontro, Letta avrebbe aggiunto: “È durissima. Fortuna che c’è il Pd. Fortuna che c’è l’unità del Pd“.

Quirinale, nuovo incontro in corso tra Salvini, Letta e Conte

Entrando a Montecitorio, Matteo Salvini ha annunciato un vertice con Enrico Letta e Giuseppe Conte alle 8.30 negli uffici della Camera. Sarebbe il secondo dopo quello di ieri sera, dal quale erano usciti i leader di Movimento 5 Stelle e Lega annunciando una donna al Quirinale. Si trattava probabilmente di Elisabetta Belloni, che però non piace a diverse forze politiche.

Elezione Presidente della Repubblica, la settima e ottava votazione per il Quirinale in diretta: orario e candidati

La settima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica comincerà alle 9.30 di questa mattina, ma al momento nomi veri sul tavolo ancora non ce ne sono. Ieri sera Conte e Salvini hanno parlato di una “Presidente donna”, con tanto di lancio di hashtag. Il riferimento sembrava evidentemente a Elisabetta Belloni, che però è stata bocciata da Italia Viva e Forza Italia, ma anche da gran parte del Partito Democratico, per via del suo ruolo nei Servizi. I forzisti, intanto, hanno fatto sapere di essersi sganciati dal centrodestra e di trattare autonomamente. Si parla di un polo centrista per Casini, ma anche in questo caso non ci sono grandi novità. A un’ora dalla prima votazione di giornata – l’ottava si terrà, eventualmente, alle 16.30 – i partiti potrebbero astenersi ancora o lasciare la libertà di voto. In ogni caso dal Parlamento arriva un’indicazione chiara: ieri 336 voti per il Presidente Mattarella.





Source link

Previous Giuliano Ferrara migliora, la moglie: “È stabile. Stamattina ha chiesto un libro. Evviva”

Leave Your Comment