Facebook, cosa ha detto l’ex dipendente al Congresso Usa

0


di Tommaso Meo

Frances Haugen ha suggerito di rallentare la condivisione delle notizie chiedendo agli utenti di leggere gli articoli prima di condividerli. Mark Zuckerberg respinge le accuse

Menlo Park Facebook
Foto: Josh Edelson/Afp/Getty Images

La dura settimana di Facebook non è ancora finita ed è solo mercoledì. Poche ore dopo il blackout delle applicazioni e dei servizi della compagnia, Frances Haugen, la nuova whistleblower di Facebook e fonte delle ultime inchieste del Wall Street Journal, ha testimoniato davanti al Congresso degli Stati Uniti, ribadendo e circostanziando le accuse alla sua ex compagnia.

Haugen è apparsa davanti a una commissione del Senato che sta conducendo un’indagine sul modo in cui Facebook protegge i suoi utenti più piccoli. Il focus dell’audizione è stato sulla ricerca interna di Facebook che ha mostrato che Instagram può avere un effetto negativo sui giovani, ma Haugen ha colto l’occasione per attaccare il modello di business dell’azienda e l’algoritmo del feed di notizie.

Uno dei suoi argomenti principali è stato che per vendere gli annunci Facebook è portata a tenere gli utenti sulle sue piattaforme a tutti i costi, anche quando sa che i contenuti con cui interagiscono sono dannosi. Secondo Haugen per Facebook il profitto verrebbe molto prima della sicurezza dei suoi utenti e gli sforzi che ha finora intrapreso non sono stati abbastanza per rendere la piattaforma un posto vivibile.

La soluzione, ha affermato Haugen, include la modifica della Sezione 230 – l’articolo di legge che protegge le piattaforme online dalla responsabilità su ciò che gli utenti pubblicano – in modo che le aziende come Facebook condividano alcune responsabilità legali per quello che i loro algoritmi promuovono.

L’ex dipendente di Facebook ha anche parlato di rallentare la condivisione delle notizie chiedendo agli utenti di leggere gli articoli prima di condividerli, come fa ora Twitter. Idealmente, ha detto, Facebook dovrebbe tornare a utilizzare un feed più cronologico, mostrando i contenuti agli utenti principalmente perché sono recenti, non per farli arrabbiare e quindi coinvolgerli.

Haugen ha poi ribadito la necessità di una maggiore trasparenza da parte della società californiana. Secondo lei, il rifiuto di Facebook di divulgare informazioni su come funzionino le sue piattaforme è uno dei principali modi in cui l’azienda consente ai suoi prodotti di causare danni.

Haugen ha sostenuto inoltre che Facebook ha mostrato di non sapersi regolare da solo e ha chiesto al governo di istituire un nuovo organismo di regolamentazione con la supervisione Facebook e all’azienda di dare maggiori opportunità per i ricercatori indipendenti di capire se la società è veramente all’altezza delle sue dichiarazioni pubbliche.

Il ideatore di Facebook, Mark Zuckerberg, che quando la whistleblower era uscita allo scoperto non aveva commentato pubblicamente le sue parole, ha risposto alle accuse di Haugen con un post sulla sua pagina Facebook: “L’argomento secondo cui pubblichiamo deliberatamente contenuti che fanno arrabbiare le persone per profitto è profondamente illogico.

Zuckerberg ha sostenuto di non conoscere “nessuna azienda tecnologica che si prefigga di costruire prodotti che facciano arrabbiare o deprimere le persone. Gli incentivi morali, commerciali e di prodotto puntano tutti nella direzione opposta”. Lo stessa commissione con cui Haugen ha parlato ha invitato Zuckerberg a testimoniare, ma a questa richiesta non ha ancora ricevuto nessuna risposta.





Source link
www.wired.it
2021-10-06 11:02:43

Leave A Reply