in Medio Oriente la guerra è regionale

0


Lo scambio di raid tra Iran e Pakistan avvenuto nei giorni scorsi ha aggiunto un nuovo fronte di guerra, l’ennesimo, in questo turbolento inizio di 2024 per il Medio Oriente. La realtà è che dalla brutale aggressione di Hamas contro Israele il 7 ottobre scorso è come se si fosse aperto il Vaso di Pandora. Timori, strategie e ataviche paure rimaste sopite a lungo dopo la graduale compressione dei conflitti in Siria e Yemen e il loro sostanziale congelamento sono esplose negli oltre cento giorni di conflitto a Gaza.

I raid surriscaldano il confine iraniano-pakistano

Da ultimo è avvenuto lo scambio di bombardamenti al confine tra Iran e Pakistan, con i primi colpi lanciati dalle forze armate iraniane, che non hanno individuato obiettivi ufficiali pakistani come target dei lanci di missili da parte delle Guardie della Rivoluzione, mirando piuttosto a colpire, nelle dichiarazioni ufficiali, membri iraniani di una formazione radicale, Jaish al-Adl.

Essa sarebbe connessa, direttamente, all’affiliata locale dell’Isis, ritenuta responsabile dell’attentato di Kerman del 3 gennaio scorso. Quel giorno, infatti, un attentato  ha ucciso cento persone nell’importante città iraniana. E all’Iran è apparso come non casuale tanto la data quanto la scelta del bersaglio. L’attentato è avvenuto presso la tomba del generale Qassem Soleimani, ucciso nel 2020 in un raid americano in Iraq e ritenuto l’eroe della guerra di Teheran contro l’Isis e i nemici del…


Author: Andrea Muratore
Data : 2024-01-18 08:06:19
Dominio: www.true-news.it
Leggi la notizia su: Politics – True News.
LEGGI TUTTO

Leave A Reply