Mes, Meloni pronta a dire sì ma vuole prima risposte su Bilancio Ue, Patto di stabilità (e fondi per i migranti)- Corriere.it

0


di Marco Galluzzo

I confronti con la presidente della Bce Lagarde e con il governo tedesco

Appena due mesi fa, nel corso di un faccia a faccia, Christine Lagarde chiese a Giorgia Meloni notizie del Mes e del ritardo italiano. Nel palazzo del Consiglio europeo, in una sala non troppo distante dal grande tavolo che accoglie i capi di Stato e di governo della Ue, la premier rispose rassicurando i vertici della Bce: l’Italia approverà il Meccanismo di stabilità, ma alla fine di un percorso che prima consenta a Roma di soppesare bene due fattori. Il nuovo bilancio dell’Unione, di cui si discuterà da giovedì nella capitale belga, e il nuovo Patto di stabilità, anch’esso ai passi finali di un negoziato che dura da mesi.

Visto con gli occhi del capo del governo il dibattito interno sul Mes, le accuse al governo, la presunta instabilità finanziaria che può causare un prolungarsi del ritardo italiano, sono tutte critiche o analisi legittime, ma infondate. Lei stessa lo ha detto alla Lagarde, e lo ha detto anche al governo tedesco pochi giorni fa, durante il vertice dei due esecutivi che si è tenuto a Berlino, nella grande sala centrale della Cancelleria, a margine della firma del Piano d’Azione di cooperazione strategica.

Anche in questo caso è stato chiesto conto dell’anomalia italiana e anche qui le risposte della premier, in privato, sono state quasi le stesse, con qualche sfumatura in più probabilmente, di quelle che pronuncia in pubblico: in una…


Author: Marco Galluzzo
Data : 2023-12-11 06:23:54
Dominio: www.corriere.it
Leggi la notizia su: Corriere.it – Politica
LEGGI TUTTO

Leave A Reply