Ragazzi uccisi ad Ercolano, il gip: “Palumbo ha mentito, l’antifurto non è scattato”

0


Emergono nuovi dettagli sulla vicenda dei due ragazzi uccisi ad Ercolano. L’antifurto dell’abitazione di Vincenzo Palumbo, il 53enne accusato di aver ucciso Tullio Pagliaro e Giuseppe Fusella nella notte tra il 28 e il 29 ottobre a Ercolano, “quella sera non era scattato”.

Ragazzi uccisi ad Ercolano, le ultime notizie

È quanto risultato dagli accertamenti svolti dagli investigatori sul sistema antifurto che lo stesso Palumbo, nel corso di un interrogatorio, ha dichiarato di aver sentito suonare e per questo si era svegliato. Il sistema di allarme è di tipo “perimetrale”, quindi si sarebbe dovuto attivare nel caso qualcuno si fosse avvicinato alla porta di dimora o alla finestra.

L’accertamento appariva fondamentale, scrive il gip nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, “al fine di comprendere se i morti si fossero introdotte o meno all’interno dell’abitazione di Palumbo, anche perché sul punto della disattivazione dell’antifurto vi erano delle incongruenze tra quanto dichiarato da Palumbo e dai suoi familiari”. Dall’esito dell’accertamento è risultato che l’antifurto era stato inserito alle 22.54 del 28 ottobre ed era stato disinserito alle 00.28, l’orario in cui Palumbo è uscito di dimora. “Dunque quella sera l’antifurto non era scattato – scrive il gip – sicché non risulta che si fossero avvicinate persone alla porta d’ingresso di dimora del Palumbo”.

L’articolo Ragazzi uccisi ad Ercolano, il gip: “Palumbo ha mentito, l’antifurto non è scattato” proviene da L'Occhio di Napoli.



Source link
di Giovanna Bravi
napoli.occhionotizie.it
2021-11-02 15:38:39 ,

Leave A Reply