salvato dai vigili del fuoco

salvato dai vigili del fuoco

salvato dai vigili del fuoco


Un bimbo di 4 anni di Olbia è precipitato in un pozzo ma è riuscito a nuotare nell’acqua gelida per mezz’ora in attesa dei soccorsi. Grazie all’intervento dei vigili del fuoco, è quindi stato tratto in salvo e portato in ospedale in condizioni gravi, con un polso fratturato e in ipotermia. Ora però sarebbe fuori pericolo.

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Un bimbo di 4 anni di Olbia ha rischiato di morire nel pomeriggio di lunedì 4 dicembre e insieme a lui il padre 33enne e un amico di famiglia che hanno cercato si soccorrerlo, calandosi con una fune in un pozzo in cui il piccolo era precipitato, cadendo per quattro metri. L’incidente è avvenuto intorno alle 16.

Le operazioni di salvataggio e il trasporto in ospedale

Come riporta il quotidiano locale La Nuova Sardegna, tutti e tre sono stati salvati dai vigili del fuoco e dai carabinieri del paese e del nucleo radiomobile della Compagnia di Sanluri, arrivati sul posto dopo aver ricevuto la chiamata di soccorso da parte dei familiari.

Le condizioni del bambino sono apparse fin da subito molto gravi: il piccolo si presentava infatti in uno stato di forte ipotermia, dopo essere stato immerso per quasi mezz’ora nell’acqua gelida e si era fratturato un polso. Dopo il salvataggio, è stato trasportato in codice rosso con un’eliambulanza e ricoverato all’ospedale Brotzu di Cagliari.

La dinamica dell’incidente

Secondo una ricostruzione, sembra che l’incidente sia avvenuto mentre il bambino stava giocando nel cortile dell’abitazione, che si trova in via Donori. Qui la famiglia del piccolo era ospite di anziani zii materni.

Sfuggendo al controllo dei genitori, il bimbo sarebbe quindi riuscito a sollevare la grata in ferro di protezione del pozzo e, forse come conseguenza di un movimento azzardato, vi è caduto dentro ed è precipitato per quattro metri.

Il piccolo, che è un bravo nuotatore nonostante l’età, è riuscito a rimanere a galla e a non annegare. Accortisi di quanto stava accadendo, il padre del piccolo e un vicino, si sono calati con una fune ma, una volta arrivati in fondo non sono riusciti a risalire. È a quel punto che è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco e dei carabinieri.





Source link
di Eleonora Panseri
www.fanpage.it
2023-12-05 21:50:04 ,

Previous Cop28, dobbiamo fermare la perdita di biodiversità

Leave Your Comment