Silicon Valley Bank, i benefit stellari con cui ha conquistato il mondo tech

0


Svb offriva ai clienti omaggi attraverso una sezione dedicata della sua app mobile, molto prima che altre banche iniziassero a offrire sconti simili alle startup, dice Gupta, che da Svb ha ottenuto dei buoni per il cloud di Amazon Web Services e dei servizi gratuiti di firma elettronica. L’imprenditore ha partecipato a oltre più di dieci eventi organizzati dalla banca, come incontri dedicati alla ricerca di cofondatori o investitori. La banca metteva a disposizione anche pranzi gratuiti e gli permetteva di utilizzare una delle sue sale riunioni durante i viaggi di lavoro: “Erano molto ospitali“, sottolinea Gupta, aggiungendo che ora potrebbe essere costretto pagare un abbonamento alla società di coworking WeWork.

Grazie a Svb, l’imprenditore Adam Zbar ha potuto usufruire gratuitamente di una baita un molo sul lago Tahoe, in California. In qualità di amministratore delegato dell’azienda di consegna pasti Sunbasket, Zbar usava la abitazione per ospitare ritiri con il suo team di dirigenti. La banca forniva anche uno chef di alto livello per una serata e vini esclusivi delle cantine clienti di SVB: “Era fenomenale“, dice Zbar.

Svb, poi, contribuiva a pagare le settimane bianche degli imprenditori tecnologici di Los Angeles a Mammoth Mountain, in California, dice Zach James, co-amministratore delegato della società di tecnologia pubblicitaria Zefr. La banca, inoltre, consentiva ai suoi clienti di guidare auto di lusso, accedere al backstage dei festival musicali e a incontrare i viticoltori in sessioni private presso le cantine della Napa Valley(in un solo anno, Svb ha ospitato 300 eventi legati al vino).

Col tempo, i rivali della banca hanno iniziato a muoversi. Negli ultimi anni JPMorgan Chase aveva annunciato l’assunzione di diversi importanti banchieri di Svb. La First republic bank stava acquisendo diversi clienti tecnologici dell’ente. Ma le priorità di questi istituti continuavano a essere altri settori.

Anche gli studi legali, le società di consulenza e le aziende di reclutamento sono tra i principali sponsor dell’industria tecnologica, ma nessuno di questi settori – e di sicuro nessun’altra banca – è riuscito a eguagliare la generosità di Svb nei confronti delle aziende ancora molto lontane da quotarsi a Wall Street, come riportano gli imprenditori e alcuni investitori. “Erano uno dei principali sostenitori della comunità – racconta Paige Craig, che era cliente della banca sia come imprenditrice e venture capitalist –. Il vuoto da colmare è grande“.

Flessibilità ed eleganza

Nonostante tutti i vantaggi, la principale attrattiva di Svb per molte aziende rimaneva la facilità di accedere a prestiti. Le startup ricorrono ai prestiti bancari per diversificare i finanziamenti e perché questa modalità spesso permette loro di assicurarsi denaro senza rinunciare a un numero consistente di azioni, come invece succede quando si rivolgono ai venture capitalist.



Leggi tutto su www.wired.it
di Paresh Dave www.wired.it 2023-03-17 05:40:00 ,

Leave A Reply