Agrigento, scopre che la chef è di colore e lascia il ristorante

0

Author: Daniela Vitello
Data : 2023-08-11 13:59:55
Dominio: www.perizona.it
Leggi la notizia su: Curiosità – Perizona Magazine
LEGGI TUTTO


Due turisti italiani sulla sessantina entrano nel ristorante Ginger People & Food di Agrigento, poco distante dalla Valle dei Templi, e una volta appurato che la chef è di colore, alzano i tacchi e se ne vanno. L’episodio raccontato in una lettera da Carmelo Roccaro, presidente della cooperativa sociale Al Karhub che gestisce il locale, sta destando scalpore e sdegno. La chef vittima di razzismo è la pluripremiata Marame, originaria del Senegal, in Italia dal 2012 quando è arrivata per ricongiungersi con il marito. E’ specializzata nella preparazione di piatti a base di cous cous per cui si è aggiudicata anche il titolo di campionessa mondiale. 

Mareme Cisse (Foto Facebook)

“Ti sono venuto incontro per capire ma non mi hai degnato di uno sguardo”

“Sei entrata di fretta, con il tuo compagno, capelli brizzolati, tagliati cortissimi ‘alla Sinéad’, donna nostrana sulla sessantina circa – esordisce Carmelo Roccaro nella sua lunga lettera – Sei stata accolta con il sorriso dalla nostra Karima, addetta di sala, giovane ragazza di seconda generazione, grande lavoratrice, che ti ha fatto accomodare dove volevi tu. Dopo qualche minuto ti ho visto alzare da tavola, disturbata, e dirigerti verso l’uscita. Ti sono venuto incontro per capire cosa stesse succedendo, ma non mi hai degnato di uno sguardo e, alquanto seccata, non hai neanche risposto al mio saluto e sei andata via, così. Karima mi guardava con gli occhi sgranati e a bocca aperta dicendomi ‘Dopo avere visto il menù la signora mi ha chiesto se per caso la proprietaria del ristorante fosse una signora neg.. di colore. E alla mia conferma si è alzata dicendo che non voleva più cenare qui…’. Io sono uscito e ti ho seguito mentre risalivi in macchina e andavi via, evitando di guardarmi, mentre costringevi il tuo compagno ad una improbabile inversione ad ‘U’”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Mareme Cisse (Foto Facebook)

“Non oso giudicarti ma ho sentito una grande tristezza nel cuore”

“Io non conosco chi sei, la tua storia, i tuoi problemi e non oso nemmeno giudicarti – continua il gestore del locale – So solo che ho sentito una grande tristezza nel cuore. Ieri sera ho preso consapevolezza di quanto profondo e radicato sia questo sentire che emerge dal lato oscuro delle persone. Ma, ti sembrerà strano, ieri io ti ho anche ammirato. Ti ho ammirato perchè hai avuto la coerenza di dire quello che tante persone, concittadini, amici pensano, ma non hanno il coraggio di ammettere. Non importa se si tratta di spazzatura, ma lo hai detto, hai fatto uscire quello che si nasconde dentro di te, sei stata, a tuo modo, sincera. Perché, vedi, noi ci siamo proprio perché esistono persone come te, e non ci disturbano i commenti del tipo ‘u vidisti? dintra a cucina su tutti nivuri’ o i ‘neg*i!’ urlati dalle auto in corsa davanti al nostro ristorante. Non ci disturbano e ci fanno sorridere perché li avevamo messi in conto e sapevamo che sarebbe stato difficile costruire una comunità diversa da questa in cui viviamo”.

Mareme Cisse (Foto Facebook)

“In fondo, tanti vogliono dire quello che tu hai detto senza peli sulla lingua”

“Quello che ci sorprende e ci addolora davvero è l’assenza della rete che doveva sostenere questo progetto rivoluzionario, degli intellettuali e di gran parte degli attivisti delle associazioni culturali di impronta progressista o del mondo cattolico, della cooperazione, degli ‘amici’ – si sfoga Carmelo Roccaro – Perché frasi come ‘Non vi montate la testa, volate basso’, ‘Avete i prezzi troppo alti, i più cari della città’, ‘Fate porzioni troppo scarse’, ‘Una cucina neanche minimamente paragonabile alla nostra’, ‘Tutto troppo piccante’ in fondo vogliono dire quello che tu hai detto, senza peli sulla lingua: la cuoca è nera, voi tutti siete neri, avete oltrepassato il limite. E tutto questo, tra disinformazione e misinformazione, alimenta un immaginario comune che trae linfa dall’incorporazione di aspetti oscuri e nascosti nel nostro inconscio profondo, innegabilmente colonialista e suprematista”.

Mareme Cisse (Foto Facebook)

“Il ‘povero nero’ fa bene alla coscienza fin quando fa il lavapiatti o le pulizie”

“Il ‘povero nero’ è bravo e fa bene alla coscienza attraverso le opere di carità ‘inclusive e antirazziste’ dell’uomo bianco italico fin quando fa il lavapiatti o si occupa delle pulizie, cioè rimane al suo posto e non aspira a migliorare la sua condizione sociale – sottolinea il gestore del Ginger People & Food – Ma se il nero, grazie al genio che la Natura, per fortuna, dispensa a caso e senza distinzione di sesso o di colore della pelle, diventa uno chef, un capo, diventa più bravo di me o di mio figlio, allora questo non va più bene. Diventa, appunto, troppo. So che non ti farà piacere sapere che sebbene anche alcuni operatori turistici locali, magari per miseri interessi di bottega, alimentino lo stigma che portiamo sulla nostra pelle, viene a trovarci tanta gente da varie parti d’Italia e del mondo, molti ci dicono che hanno prolungato la permanenza in città solo per venire a conoscerci”.

Mareme Cisse (Foto Facebook)

“Anche se è la nostra città, cominciamo a chiederci cosa ci facciamo qui”

“Ci invitano continuamente in Italia e all’estero per presentare il nostro progetto o far conoscete la nostra cucina, alcune università e giornalisti italiani e stranieri ne hanno fatto un esempio di buone prassi – conclude Roccaro – Tutti ci fanno la stessa domanda: ma che ci fate qui? Beh, certamente ci siamo perché questa è la nostra città e per le tante persone che qui ci adorano, ma devo ammettere che adesso cominciamo ad interrogarci anche noi. Certamente non stiamo riuscendo a cambiare il lato nero dell’anima di quelli come te ma forse stiamo facendo emergere quello, più subdolo e profondo, dell’anima di quegli altri”.



Leggi la notizia su: Curiosità – Perizona Magazine

LEGGI TUTTO

Daniela Vitello , 2023-08-11 13:59:55 ,

Leave A Reply