iPhone 15 Pro Ultra uscirà in ritardo rispetto agli altri modelli

0


Si dovrebbe chiamare iPhone 15 Pro Ultra e non Max il più grande, prestante e costoso degli smartphone Apple di nuova generazione: secondo le ultime indiscrezioni, però, si farà attendere un po’ di più rispetto agli altri tre modelli della famiglia, con un ritardo per ora stimato in almeno 3 o 4 settimane. Seppur dunque prenotabile già dopo il lancio del keynote in programma il prossimo 12 settembre, iPhone 15 Pro Ultra dovrebbe debuttare sugli scaffali non prima di ottobre. La causa dell’inconveniente sembra essere imputabile a un componente specifico, che rappresenta anche una delle principali novità del telefono.

Gli ospiti più attesi a ogni evento arrivano sempre in ritardo, per prendersi tutte le attenzioni del caso e sarà così anche per iPhone 15 Pro Ultra, che farà capolino quasi un mese dopo il debutto dei due modelli standard iPhone 15 e iPhone 15 Plus e del fratello minore iPhone 15 Pro. Stando a fonti ben informate vicine alla linea di produzione, Apple sarebbe stata costretta a posticipare il lancio dell’ammiraglia per via di un ritardo di consegna da parte di Sony: il colosso nipponico era stato scelto in quanto leader mondiale del settore come fornitore dei sensori di immagine per gestire la nuovissima fotocamera periscopica. Il modello Ultra sarà il primo iPhone a sfruttare quest’ottica speciale per il teleobiettivo, garantendo uno zoom molto più spinto (almeno da 6x invece che 3x attuali) senza perdita di qualità. Qualcosa di inedito sul catalogo Apple, ma già presente da tempo in alcuni rivali con Android.

Il sensore fotografico dell’ottica tele dovrebbe essere da 12 megapixel, con dimensioni da 1/3 di pollice e apertura focale da f/2.8 e l’inevitabile assistenza della stabilizzazione ottica così da evitare l’effetto mosso dato l’ingrandimento non indifferente per uno smartphone. Gli altri due sensori saranno simili a quelli dell’attuale 14 Pro Max con un grandangolo principale e un ultragrandangolo, mentre le altre grosse novità riguarderanno l’ormai arcinota presenza dell’ingresso usb type-c e del chip Apple A17 Bionic. Le aggiunte a livello di hardware peseranno sul cartellino finale, con il prezzo che dovrebbe aumentare di circa 150 euro rispetto agli attuali 1489 euro di base.



Leggi tutto su www.wired.it
di Diego Barbera www.wired.it 2023-08-23 10:26:00 ,

Leave A Reply