Nerva Exe, lo scooter elettrico con la batteria che si stacca e si porta a abitazione | Wired Italia

0


Oltre ad essere il primo modello di scooter commercializzato in Italia da Nerva, il Nerva Exe è uno dei rari esempi di scooter elettrico GT. La disposizione del motore è molto simile a uno scooter termico, questa caratteristica insieme a un’ottima distribuzione dei pesi, permette al Nerva EXE di essere agile, maneggevole e facile da guidare. Gli pneumatici forniti sono dei 120/70 con cerchi da 15 pollici (anteriori) e dei 140/70 con cerchi da 14” (posteriori), inoltre il Nerva Exe sfrutta la tecnologia di freni CBS, che distribuisce la pressione dei freni su ciascuna ruota per ridurre la distanza di arresto.

Prestazioni e autonomia

A livello di meccanica e prestazioni il Nerva Exe è un 125 di cilindrata, ha una potenza di 9/12 kW (12,2/16,3 cavalli), una coppia da 48 Nm a 1720 giri/min, accelera da 0 a 50 km/h in 4,2 secondi (per lo 0-80 km/h ce ne impiega 10”) e una velocità di punta di 125 km/h (50 km/h in eco mode, molto utile per non superare i limiti nei centri urbani).

L’autonomia del Nerva EXE è di 150 km (in modalità eco), mentre i tempi di ricarica della batteria vanno dalle 3 ore e mezza per una ricarica rapida dell’80) alle 4 ore e 20 minuti per il 100%. Ovviamente si parla di una batteria completamente scarica.

Che cosa troviamo a bordo

Un ampio display TFT sul cruscotto (con connessione Bluetooth) ci mostrerà tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno durante la marcia, mentre troveremo la tecnologia full led sia nei fari anteriori che in quelli posteriori e negli indicatori di direzione, grazie a loro sarà davvero difficile non vederci anche in piena notte. A disposizione avremo anche una porta usb integrata nel retroscudo, un capiente vano sottosella in grado di ospitare un casco integrale o uno jet e un’ampia sella ergonomica in grado di fare stare comode due persone.

La batteria si noleggia

Il Nerva Exe si può acquistare in due modi, il primo è quello tradizionale: si compra lo scooter completo di batteria e stop. Il secondo consiste nel comprare lo scooter senza la batteria (logicamente pagandolo molto meno, visto che il costo della batteria è quasi il 50% del prezzo di uno scooter) e noleggiare la batteria con una tariffa mensile per un massimo di 5 anni, al prezzo di 53,80 euro al mese. Una volta finito il periodo di noleggio si avranno due scelte: riscattare le batterie a un prezzo imposto dalla abitazione produttrice (come si fa con un’auto in leasing in pratica) e farle diventare nostre al 100%, oppure restituirle e continuare la formula del noleggio per altri 5 anni con batterie nuovissime.

Ma quanto mi costa?

Il Nerva Exe sarà disponibile in Italia presso la rete dei concessionari Nerva a partire dal mese di luglio 2023 al prezzo di 7940 euro (con batteria di proprietà) e di 5140 euro con formula di batteria a noleggio. La garanzia fornita dal produttore è di 5 anni. Facendo due conti veloci 53,8 x 60 mesi viene fuori 3228 euro, che sommati ai 5140 pagati al momento dell’acquisto fa 8368 euro. Per cui con la formula a noleggio si pagherà in sostanza 428 euro in più rispetto che a comprarlo completo di batterie. A tutto questo bisogna anche aggiungere il prezzo che Nerva chiederà per riscattarle nel caso volessimo tenere le batterie già in nostro possesso. Il vantaggio della formula a noleggio è che dopo 5 anni avremo accesso alle batterie di ultima generazione, nuove, più moderne, con più autonomia e sicuramente più prestazionali rispetto a quelle che abbiamo già ampiamente sfruttato. Cosa che altrimenti ci costringerebbe ad acquistarle come nuove ad un prezzo sicuramente importante qualora avremmo scelto la prima opzione d’acquisto.

Che fine fanno le batterie restituite?

Le batterie sfruttate e restituite non verranno smaltite o buttate ma verranno impiegate dalla fondazione Eki che, una volta revisionate e ricondizionate dal produttore, le destinerà a varie località dell’Africa per sopperire alle carenze della rete elettrica nei paesi in via di sviluppo. Grazie a un codice personale assegnato a ogni batteria, il proprietario della batteria potrà seguire in tempo reale da remoto tutto il percorso che la batteria compirà e sapere dove finirà e che utilizzo ne verrà fatto con estrema esattezza.



Leggi tutto su www.wired.it
di Raffaele Gomiero www.wired.it 2023-06-29 12:33:35 ,

Leave A Reply