Titanic, i resti del sommergibile Titan | Wired Italia

0


La macabra vicenda del Titan, il sommergibile commerciale imploso mentre cercava di raggiungere il relitto del Titanic, è giunta a conclusione. La Guardia costiera degli Stati Uniti ha individuato e recuperato le lamiere e gli altri detriti del mezzo affondati sul fondo del mare, assieme a resti umani che si presume siano delle cinque vittime rimaste uccise nell’incidente.

Un episodio sconcertante di avventatezza e disprezzo delle regole durato dieci giorni, passati dal momento della scomparsa del Titan, il 19 giugno 2023, fino al giorno del suo ritrovamento, il 29 giugno. Le responsabilità non sono ancora state ufficialmente assegnate, ma nella vicenda pesa la scarsa considerazione per le norme di sicurezza di Stockton Rush, inventore dell’azienda proprietaria del Titan, la OceanGate Expeditions, rimasto ucciso nell’incidente assieme a tutti gli altri passeggeri.

Le squadre di ricerca e soccorso hanno perlustrato per quattro giorni un’area di circa 900 metri quadrati, prima di concentrarsi sul recupero dei resti, ritrovati da un drone sottomarino in due diversi siti subacquei. Nel primo è stata trovata la maggior parte dei detriti, come il cono di ogiva, cioè la parte più affusolata dello scafo, la presa di pressione esterna, la parte anteriore con l’oblò e una parte dello scafo interno. L’altro pezzo dello scafo è stato ritrovato nel secondo sito.

I detriti sono stati recuperati a circa 500 metri dalla prua del Titanic, la parte anteriore della nave, con evidenti segni di una perdita catastrofica di pressione e della conseguente implosione dovuta alla pressione esercitata sul Titan dalla colonna d’acqua in cui si trovava, pari a 350 atmosfere, corrispondenti a 3.500 tonnellate per metro quadrato.

Ora le autorità dovranno analizzare tutto il materiale recuperato per cercare di trovare una risposta definitiva alle cause dell’incidente. E alcuni professionisti medici statunitensi condurranno un’analisi formale dei presunti resti umani che sono stati accuratamente recuperati all’interno del relitto” ha fatto sapere la Guardia costiera.



Leggi tutto su www.wired.it
di Kevin Carboni www.wired.it 2023-06-29 13:08:47 ,

Leave A Reply