Trump, i suoi fan di stanno già gridando al complotto

0


Nonostante la vittoria schiacciante di Donald Trump ai caucus dell’Iowa di lunedì sera – che hanno aperto ufficialmente le primarie del Partito repubblicano in vista delle presidenziali americane di novembre – alcuni dei sostenitori più accaniti dell’ex presidente degli Stati Uniti hanno già iniziato a sostenere che il voto è stato truccato. Il motivo? La sconfitta di Trump in una delle 99 contee dello stato.

Dopo che è stato reso noto che il presidente Trump ha vinto in tutte le contee dell’Iowa questa notte, i democratici hanno iniziato i loro magheggi e ora dicono che la contea di Johnson in Iowa, in cui Biden ha un vantaggio di 40 punti, è andata a Nikki Haley per UN VOTO“, ha scritto su X Laura Loomer, un’attivista di estrema destra molto ripresa da Trump.

Le accuse dei social di estrema destra

Sulle piattaforme online di estrema destra anche altri sostenitori di Trump hanno iniziato a gridare al complotto elettorale, nonostante in Iowa il loro candidato avesse raccolto il 51% delle preferenze staccando nettamente i rivali, il governatore della Florida Ron DeSantis – che si è fermato al secondo posto con il 21% dei voti – e l’ex ambasciatrice delle Nazioni Unite Nikki Haley, in terza posizione con il 19%, secondo i risultati diffusi dal Partito repubblicano dello stato e da Associated Press.

Serve un riconteggio nella contea di Johnson ORA!“, ha scritto su X un account chiamato Red Eagle Politics.

Sul social network di Trump, Truth Social, Seth Keshel, un capitano dell’esercito americano in pensione che negli ultimi anni è diventato una voce di spicco nel movimento che nega la vittoria di Joe Biden alle presidenziali del 2020, ha scritto: “La vittoria di Haley per un solo voto nella contea di Johnson ha rovinato la mia previsione di 99 contee su 99 per Trump. Ci vuole un controllo!“. Alcuni follower di Keshel hanno rincarato la dose, affermando che le persone che hanno votato per Haley sono stati “pagate, senza però fornire alcuna prova a sostegno della tesi.



Leggi tutto su www.wired.it
di David Gilbert www.wired.it 2024-01-18 05:30:00 ,

Leave A Reply