Europa, la dura vita dei partiti Verdi | Wired Italia

0


Agli attivisti il compromesso non è piaciuto. “Sono rimasto scioccato – dice Theo Schnarr, dottorando e attivista ambientale che vive nella città di Greifswald –. Il carbone che si trova in quella zona da solo è sufficiente a bruciare tutto il nostro budget di carbonio”.

Il 32enne è uno dei sempre più numerosi attivisti che si incollano alle strade di tutto il paese, causando polemiche e chilometri di ingorghi. È un attivista ambientale da appena un anno ma ha già passato dieci giorni in carcere per aver bloccato le strade. “Con le nostre proteste stiamo dimostrando che il nostro governo non è in grado di affrontare questa crisi”, dice Schnarr, che fa parte di Ultima Generazione, un gruppo ambientalista che in Germania si è formato nello stesso periodo in cui il partito Verde è entrato nel governo. “Gli scienziati ci dicono che abbiamo circa tre anni per mettere in atto azioni efficaci”, aggiunge Schnarr, che quindi considera il governo in carica come l’ultima possibilità per il paese.

La trasformazione dei Verdi

Quando i partiti Verdi entrano al governo, la reazione comune dei gruppi ambientalisti è quella di radicalizzarsi, afferma Daniel Saldivia Gonzatti, ricercatore del Centro di Scienze Sociali di Berlino. “Ultima Generazione è un sottoprodotto del successo del partito Verde entrato al governo, perché solo adesso un movimento ambientalista radicale […] è effettivamente in grado di portare avanti un’agenda radicale a favore dell’ambiente”.

Nel 1995 la Lega Verde in Finlandia è diventato il primo partito ambientalista a entrare in un governo europeo. Da allora i partiti di questo tipo si sono trasformati da outsider radicali a pilastri di molti governi. Attualmente sono in coalizione in sei paesi dell’Unione europea: Austria, Belgio, Finlandia, Germania, Repubblica d’Irlanda e Lussemburgo. “I Verdi come partner di coalizione sono una storia sempre più diffusa nella politica europea”, afferma Mitya Pearson, ricercatore che si occupa di politica ambientale presso il King’s College di Londra.

Ma i Verdi tedeschi non sono stati gli unici costretti a prendere decisioni che hanno allontanato gli ambientalisti. Anche in Austria il ministro per l’Energia, Leonore Gewessler, ha suggerito di sostituire il gas russo con il carbone per superare l’inverno, proposta che è stata però respinta dal parlamento del paese. A gennaio, il traffico di Vienna è stato bloccato per due settimane dagli da attivisti, che hanno anche minacciato altre azioni dimostrative nel caso in cui il governo non avesse fatto di più per combattere la crisi climatica.

Secondo Pearson, le tensioni tra i partiti verdi e gli attivisti continueranno a essere una caratteristica delle coalizioni in Europa. Da parte sua, Dresen dice di non essere contrario ai compromessi, ma di non accettare che il partito stringa accordi segreti con le aziende di combustibili fossili: “Il problema principale è che non abbiamo un’opposizione verde”, spiega. A fronte di questo vuoto, sono gli ambientalisti a ricoprire il ruolo. È probabile quindi che nei paesi in cui i Verdi fanno parte della coalizione di governo le proteste per il clima probabilmente si intensificheranno. Come sottolinea Gonzatti, d’altronde, il ruolo di chi protesta è quello di continuare a spingere.

Questo articolo è comparso originariamente su Wired UK.



Leggi tutto su www.wired.it
di Morgan Meaker www.wired.it 2023-07-16 04:10:00 ,

Leave A Reply